vai ai contenuti

Provincia di Mantova - Portale sul Turismo a Mantova

Home | Rubriche | Crea il tuo viaggio | Cosa Fare | Vivere Mantova Dimensione Carattere: A | A | A
Home   >   Risorse turistiche

Ricerca

Data
Date
Date

Seguici su ...

Visit Mantova

Comunica con noi


Call center tel. +39 0376 432 432


info@turismo.mantova.it



HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Casa del Mercante

Mantova, Casa del Mercante Boniforte
Tipologia: Palazzi privati di interesse storico

CENNI STORICI

Le fonti storiche circa l’origine della casa sono ben precise, dato che sotto gli architravi, l’una di fronte all’altra, si possono ancora leggere le due iscrizioni (in volgare e in latino!) che ricordano l’anno di costruzione e il nome dell’antico proprietario:

«(ZO) HANBONIFORT DA CONCHOREZO AFAT FAR QUESTA OPERA DELANO 1455” “IOHANESBONIFORT DE CONCORESIO HOC OPUS FIERI FECIT SUB ANNO DOMINI 1455».



Ma chi fosse il padrone di casa, tale Giovanni Boniforte da Concorezzo, e quale attività svolgesse in Mantova nella prima metà del sec. XV è possibile ricostruirlo in parte attraverso i documenti d’archivio, in parte attraverso le testimonianze storiche.

La famiglia, d’origine milanese, si stabilì a Mantova col benestare del marchese Ludovico Gonzaga che vedeva di buon occhio l’insediarsi nella sua città di mercanti forestieri. 

Il padre, di nome Bertone, che dapprima aveva avviato la propria attività a Mantova come speziale, poi come cambiavalute, intuì che l’attività più redditizia era quella del commercio della lana. E fu proprio dietro consiglio paterno che Boniforte fece costruire una prestigiosa bottega specializzata nel commercio di tessuti. Al suo interno si potevano trovare le stoffe, le lane e le tele più raffinate importate da Venezia. Il successo fu garantito e in breve tempo Boniforte divenne uno dei personaggi più conosciuti della città. 



La bottega verso piazza Erbe

L’edificio, che era al tempo stesso bottega al piano inferiore e abitazione al piano superiore, fu costruita dal 1455 rispettando le precise volontà del mercante.



… e ARTISTICI

Non è noto chi sia stato l’artefice della casa di Boniforte. Si tratta però, senza dubbio, d’un lavoro unitario nel gusto e nelle proporzioni, opera di un solo artista o di maestranze istruite alla stessa sensibilità.



La facciata mostra due bellissimi fregi a colonnine in cotto che dividono i piani. Corrispondente al terzo piano, adibito probabilmente a solaio, ci doveva essere anche un terzo fregio, o caduto o non finito o venduto (sulla facciata si vede ancora chiaramente la traccia), diverso probabilmente dagli altri due, come per altro lo sono il primo e il secondo tra loro. 

I fregi occupano la parte, sottostante alle finestre, che corrisponde internamente allo spazio tra il davanzale e il pavimento.

Lo stile dell’insieme appartiene a un gusto molto fedele all’architettura gotica, quella complessa corrente artistica comprendente anche la scultura, la pittura e le arti minori, che si diffuse soprattutto nell’Europa del nord in un periodo compreso tra la fine del Romanico e l’inizio del Rinascimento, cioè, all’incirca, fra la seconda metà del sec. XII e l’inizio del sec. XVI.

Secondo gli storici sono ben tre le fonti di ispirazione cui guardarono i costruttori di questa casa: una lombarda, testimoniata dalle colonnine sospese, una di sapore orientale nelle larghe bordature delle finestre e una veneta nell’impostazione del portico con architrave ed in quella generale della decorazione in cotto ed in marmo.

La cornice in cotto, che segue tutto intorno al tetto della casa, è uno dei motivi che più facilmente si possono ritrovare in altre costruzioni del medesimo gusto e periodo. Ad esempio nel vicino campanile di S. Andrea si vedono analogamente le cornici a denti di sega, le colonnine sospese, le bifore il fregio a zig-zag che corre sotto la gronda.

Tutti motivi questi molto usati dagli artisti locali che lavoravano, oltre che in S. Andrea, anche nell’abbazia di San Benedetto di Polirone.

L’elemento sicuramente più misterioso ed originale della casa è rappresentato dalle finestre.

                                     Particolare delle finestre



In tutta Mantova non esiste nulla di simile, il che rende ancora più difficile il lavoro di ricostruzione storica. 

Le finestre del primo ordine presentano una pesante bordatura a motivi di foglia, mentre quelle del secondo ordine hanno un bordo incorniciato da riccioli.

Inoltre il contorno delle finestre è diverso, come fantasia e gusto, dalla decorazione dell'architrave che è a fiori e a frutti.

Proprio su quest'ultima si ritrovano degli elementi molto interessanti che ci parlano del mercante: ad esempio, tra la seconda e la terza colonna, sull'architrave si vedono scolpiti dei piccoli pacchi legati con funi, certo un'allusione al mestiere di Boniforte, così come, girando l'angolo della casa sul quarto capitello (elemento superiore della colonna) si scorge la veduta di un porticciolo. Infatti, Giovanni Boniforte possedeva veramente, nella zona di Porto Mantovano, un piccolo scalo per le sue merci provenienti da Venezia. Ed è a questa città che il mercante si è ispirato nella costruzione della sua casa, che è un vero e proprio omaggio all'arte veneta, come se il padrone di casa volesse mantenere un eterno rapporto con il luogo dal quale traeva profitto e ricchezza. Inoltre la forte riconoscibilità, grazie all’originale architettura, che la sua bottega aveva sugli occhi dei mantovani era sinonimo di garanzia per loro e di affari per il mercante, in poche parole lo stesso valore che può avere oggi una buona ed efficace pubblicità.



Indirizzo: Piazza Erbe, 26 - MANTOVA - Mantova
Telefono: 0376 320522 - Tel. negozio


Giudizio
Non è stata raggiunta la quantità minima di voti
Vuoi essere il primo a votare questo risorsaturistica? Effettua il login oppure registrati per poter esprimere il tuo giudizio. Di la tua!

Informazioni

Tipologia: Palazzi privati di interesse storico
 
Indirizzo: Piazza Erbe, 26
Telefono: 0376 320522 - Tel. negozio
Città: MANTOVA - Mantova

Ricerca Alloggi

 
 

Mappa

Home | Ricerca | Cookie Policy | Contatti | Come Arrivare | Numeri utili | Accessibilità | MANTOVA, ... da amare, da scoprire!